Cinque trend emergenti dalla Silicon Valley

0
116

San Francisco è conosciuta come la città più innovativa al mondo, un vero aggregatore di start-up, centri di ricerca tecnologica e scientifica, incubatori, investitori e venture capitalist. La domanda che sorge spontanea però è come faccia questa zona ad essere continuamente innovativa. Cosa fa sì che le aziende che hanno sede qui abbiano così tanto successo? Uno studio “The culture of innovation: what makes San Francisco Bay Area Companies different” (La cultura dell’innovazione: cosa rende le aziende nella baia di San Francisco diverse) ha dimostrato come le aziende attive in questa aria siano molto più stabili rispetto alla media nazionale americana e molto più focalizzate verso l’innovazione.

Respirare l’aria della Silicon Valley è certamente positivo e, per certi versi, doveroso per un brand come Vidiemme che ha fatto dell’innovazione il suo valore trainante.

E anche se sono da sempre immerso nel mondo della tecnologia, ci sono alcuni aspetti chiave che mi hanno profondamente colpito durante i miei ultimi viaggi oltreoceano.

Connessione, ottimizzazione e semplificazione dei processi

Se crei un reticolato di aziende interconnesse tra di loro e lo fai ottimizzando i processi e semplificandoli, otterrai sicuramente un caso di successo.

Un esempio? AutoGravity, un’azienda che ha totalmente trasformato il modo in cui i consumatori si approcciano all’acquisto di un’autovettura.

I consumatori possono ricercare il modello di un’auto direttamente dal loro smartphone, trovare un’occasione e verificarne il costo di mercato. Poi possono presentare la loro offerta all’interno di un concessionario per perfezionare e completare il processo. Il modello di business va ad ottimizzare il processo di acquisto della macchina andando a creare una forte relazione tra tre agenti coinvolti: il cliente, il proprietario dell’auto e il venditore unendoli nell’uso di un’applicazione molto semplice da utilizzare.

Offerte profilate per attrarre i consumatori di domani

SoFi, abbreviazione di Social Finance, sa molto bene che la loro base di clienti Millenials è meno fedele e più tendente a cambiare banca rispetto ad altre categorie demografiche. Sono però riusciti ad arginare il problema. Come? Orientando la loro offerta sugli elementi che maggiormente attirano e vengono reputati importanti da questa categoria di clienti: soldi, carriera e relazioni.

Per esempio, se un loro giovane cliente perde il lavoro, gli sarà fornito un servizio di orientamento professionale fino a che non ne troverà uno nuovo. Questo servizio ha riscosso grande successo e viene utilizzato anche da quei professionisti che hanno già un impiego, ma vogliono migliorare la loro posizione aziendale.

Pensare fuori dagli schemi per sfidare nuovi mercati

Per le aziende straniere è notoriamente molto difficile entrare nel mercato cinese e questa informazione è ben nota a tutti i grandi investitori. Difficile però non significa impossibile.
Il gigante mondiale assicurativo Allianz ha creato un prodotto chiamato XinKaishi che è in grado di raccogliere e monitorare i dati circa il battito cardiaco della persona incinta e, tramite connessione Bluetooth, li invia a un’apposita applicazione. Quest’ultima dà alla futura mamma tutte le informazioni personali importanti circa la salute del feto e offre, al tempo stesso, la possibilità di salvare, condividere e tracciare i dati nel tempo.

In questo modo il brand è riuscito a inserirsi nel mercato cinese con i propri device wearable e l’applicazione collegata, andando a servire uno dei paesi più popolosi al mondo.

Capacità di attrarre finanziamenti in un mercato iper-competitivo

Ci sono molti venture capitalist e investitori nella Silicon Valley, ma questo non vuol dire che sia facile ottenere un finanziamento.

Javelin Venture Partners investe in start-ups, specializzate in FinTech. Ogni anno ottiene circa 1,700 pitch e investe solo in 6/8 di questi.

Ma la cosa più interessante sono i criteri che prende in considerazione per ipotizzare il potenziale che potrà avere una start-up per lavorare con le banche. Tra i dati rilevanti rientrano l’abilità di usare gli asset bancari, la possibilità di fungere da canale distributivo per le banche, la loro dimestichezza nell’uso di nuove tecnologie e la loro funzionalità nel migliorare i processi bancari.

Dialoghi personalizzati per entrare nella quotidianità dei propri clienti

L’Intelligenza Artificiale è un campo molto ampio.

Gli assistenti vocali come Google Home o Amazon Echo sono diventati mainstream da quando i brand hanno compreso come questo possa essere un ottimo canale per inserirsi all’interno della vita quotidiana delle famiglie.

Se la cosa può stranire coloro che non hanno ancora in casa questo tipo di device, appare sempre più chiaro a chi ne fa uso e alle aziende che ne possono trarre vantaggio che il principale beneficio dell’AI e del Machine Learning sia garantire un’interazione altamente personalizzata.
Molte banche, per esempio, stanno lavorando per introdurre questo tipo di tecnologia per comunicare con i propri clienti e fornire loro offerte su misura in base alle loro esigenze.

Questi cinque punti vogliono semplicemente essere uno spunto di riflessione per comprendere come un territorio come quello della Silicon Valley sia potuto diventare così rigoglioso e innovativo. La bravura sta nel saper sempre alzare l’asticella e misurarsi con nuove sfide e ostacoli, senza il timore di sbagliare. Ciò che rende unica la Silicon Valley e che ha permesso la durata nel tempo del suo successo è legato alla sinergia e alla coesistenza di diversi fattori. Il successo non è infatti legato a un unico elemento ma è determinato dall’intraprendenza delle singole realtà, sostenute da un ecosistema che crede nell’innovazione.

 

Sources

Bluenotes, Visual Hunt